Giovanile
Serie A1

Gesam Lucca show: successo autoritario contro San Martino di Lupari

Gesam Gas e Luce Lucca: Jeffery 18, Azzi, Jakubcova 16, Cibeca, Bonasia 11 , Orsili 5, Ravelli 11, Vitari, Farnesi, Madera 4, Zempare 8 e Smorto 3 Allenatore: Francesco Iurlaro

Fila San Martino di Lupari: Dotto ne, Fietta 9, Filippi 13, Tonello 2, Toffolo 2, Ciavarella 3, Giordano 2, Rosignoli ne, Bjorklund 9, Pasa 3, Sulciute 3 e Ostarello 9 Allenatore: Gianluca Abignente

Arbitri: Roberto Radaelli, Paolo Puccini e Cristina Mignogna

Note: Fischiato tecnico a Abignente a 9’34’’ nel secondo quarto

Parziali: 24-10, 44-22 e 66-41

Finale: 76-53

Al termine di una settimana difficile, vedi il grave infortunio patito da Silvia Pastrello, il Basket Le Mura Lucca sfodera una splendida prestazione sconfiggendo per 76-53 l’ormai ex capolista Fila San Martino di Lupari. Aggancio e conseguente sorpasso in virtù del vincente scontro diretto ai danni delle patavine, apparse incapaci di trovare l’antidoto al ritmo indiavolato e alla grande difesa, specialmente nei primi due quarti, imbastita da capitan Ravelli e compagne. Biancorosse che hanno applicato alla perfezione il piano gara preparato alla vigilia da coach Francesco Iurlaro. Sei vittorie su otto match sono un eccellente ruolino di marcia per una Gesam che sta conquistando sempre di più i suoi tifosi, ponendosi al centro della scena del movimento italiano.

Un successo che tutto il gruppo biancorosso ha voluto dedicare alla sfortunata Silvia Pastrello. L’alta percentuale da tre punti, 42%, è stata un’altra delle chiavi decisive per far pendere la bilancia dalle parte delle padrone di casa. Il k.o. esterno non scalfisce le ambizioni di un Fila che quest’oggi ha semplicemente dovuto arrendersi ad una squadra apparsa più forte. I nove punti messi a referto da Bjorklund la dicono lunga sulle difficoltà trovate dalle giallonere per trovare la via del canestro. In casa Lucca, invece, ben quattro giocatrici hanno finito in doppia cifra: Jeffery (18), Bonasia e Ravelli (11 a testa) e Ivana Jakubcovca, autrice dell’ennesima doppia doppia condita da 16 punti e 10 rimbalzi. Iurlaro parte con il consueto quintetto mentre Abignente, sempre privo di Caterina Dotto, schiera dalla palla a due Fietta, Bjorklund, Sulciute, Ostarello e Filippi.  Ad uscire meglio dai blocchi è il Basket Le Mura che piazza un parziale iniziale di 10-4 con Zempare a fare la voce grosso le plance. La prima tripla della serata di Ashley Ravelli vale il 13-6, inducendo così coach Abignente a chiamare un time out. Ostarello e Fietta, in assenza di Bjorklund controllata egregiamente da Jeffery prima e Smorto poi, provano a suonare la carica ma le triple di Bonasia e della stessa Smorto permettono a Lucca di chiudere il primo quarto sul 24-10. Non cambia lo sceneggiatore del copione del secondo quarto: biancorosse assolutamente in controllo dei rimbalzi difensivi, alla fine saranno 29, e letali non punire i tiri lasciati loro da San Martino di Lupari. Il canestro di Jeffery dopo la rubata di Alessandra vale il 31-20 con Abignente che, dopo essersi visto fischiare contro un fallo tecnico, prova a rimescolare le carte affidandosi alla sua profonda panchina. Capitan Tonello interrompe l’emorragia di punti sul 34-12 ma Lucca torna a colpire da tre con Valentina, arrivando all’intervallo sul punteggio di 76-53.

Chiamata a scalare una montagna, San Martino si affida alla tiratrice Filippi, 13 punti per lei, tornando a -15. Gesam, dopo aver tirato leggermente il fiato complice delle rotazioni accorciate, riprende la sua corsa grazie all’apporto di tutto il roster. I cinque punti di Orsili e la tripla di Ravelli permettono di arrivare agli ultimi dieci minuti di contesa sul +25. Nel quarto conclusivo l’estremo tentativo di una clamorosa rimonta delle venete viene definitivamente fermato dal canestro di Jakubcova. Coach Iurlaro regala minuti alle giovanissime Cibeca, Farnesi e Azzi, con le ultime che fanno il loro esordio nella massima serie. Gli scroscianti applausi riservati dal pubblico di fede biancorosse alle proprie beniamine sono l’ideale colonna sonora di una serata da ricordare.

Alcuni scatti della serata:

_____________________________________________________________________________________________________________________

Comunicato Stampa della Società Iren Fixi Torino

Serata da dimenticare per le Lupe, il Fila cade a Lucca

lucca-filasanmartino

Gesam Gas&Luce Lucca – Fila San Martino 76-53

BASKET LE MURA LUCCA: Jeffery 18 (6/9, 1/3), Azzi, Jakubcova 22 (5/9, 3/4), Cibeca, Bonasia 5 (1/2, 1/4), Orsili 5 (1/5, 1/2), Ravelli 11 (1/2, 3/7), Vitari (0/1), Farnesi, Madera 4 (1/4, 0/1), Zempare 8 (2/7, 1/2), Smorto 3 (0/1, 1/3). All. Iurlaro.
BASKET SAN MARTINO: Dotto ne, Fietta 9 (3/7, 0/2), Filippi 13 (2/5, 3/7), Tonello 2 (1/2, 0/4), Toffolo 2 (1/4, 0/2), Ciavarella (0/2, 0/1), Giordano 3 (1/1 da tre), Rosignoli ne, Bjorklund 9 (0/5, 1/2), Pasa 3 (1/1), Sulciute 3 (0/2, 1/2), Ostarello 9 (4/10, 0/2). All. Abignente.
ARBITRI: Radaelli di Rho (MI), Puccini di Genova e Mignogna di Milano.
PARZIALI: 24-10, 44-22, 66-41.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Fallo tecnico alla panchina del Fila (11′). Tiri da due: Lucca 17/40, San Martino 12/38. Tiri da tre: Lucca 11/26, San Martino 6/23. Tiri liberi: Lucca 9/10, San Martino 11/15. Rimbalzi: Lucca 38 (Jakubcova 10), San Martino 29 (Ostarello 9). Assist: Lucca 19 (Bonasia 7), San Martino 13 (Sulciute 4).

Sul parquet di Lucca arriva la seconda sconfitta in campionato per il Fila, protagonista di una serata negativa. Successo netto e meritato per la formazione toscana, avanti per tutti i 40′. Dall’altra parte le giallonere non sono mai riuscite a entrare veramente in partita, e se spesso nel basket i numeri non sono tutto, stavolta già cifre e percentuali raccontano in maniera abbastanza efficace quanto sia stata una giornata storta per le giallonere. Applausi comunque alla Gesam, che aggancia proprio le Lupe e Venezia al terzo posto. Per il Fila uno stop da cui imparare, per ripartire già dalla prossima più forti e determinati.

1° QUARTO. L’avvio è subito pimpante, con Filippi e Ostarello che rispondono a Jakubcova e Bonasia. Ben presto però l’attacco toscano si dimostra più preciso, e un 6-0 chiuso da Zempare permette il primo scatto sul 10-4 (5′). Le due triple consecutive di Ravelli e Bonasia valgono poco dopo anche il +10 sul 16-6, prima che Bjorklund e Pasa rianimino un po’ l’attacco giallonero. Nel frattempo nel Fila arriva anche il momento dell’esordio stagionale di Giulia Ciavarella, di nuovo in campo dopo l’infortunio alla spalla rimediato in estate con la Nazionale 3×3. Il primo quarto però vede le padrone di casa ispiratissime: ancora da fuori Smorto e Zempare trovano punti pesanti, e il 24-10 con cui si va alla prima pausa è eloquente.

2° QUARTO. Lucca è più attenta e reattiva, e in avvio di seconda frazione allunga ancora. Cinque punti in fila di Jeffery valgono addirittura il +24 sul 34-10 (14′), con le giallonere incapaci di scuotersi. Il “gol” che sblocca finalmente l’attacco dopo quasi 8′ di siccità è firmato Toffolo, e poco dopo arriva anche la prima tripla di giornata con Sulciute. Si intravede un accenno di reazione tra le ospiti, che provano a risalire sul 39-20, trovando però la bomba dagli otto metri di Bonasia in risposta. Il quarto si chiude col buzzer beater di Jeffery, per il 44-22 che tiene le toscane in pieno controllo.

3° QUARTO. Si riparte con la bomba di Filippi e il piazzato di Fietta, ma dall’altra parte le padrone di casa sono sempre pronte a rispondere colpo su colpo. San Martino pare comunque desiderosa di provarci, Filippi e Ostarello ritrovano il 53-36. Al 26′ c’è finalmente anche il primo canestro dal campo di Bjorklund per il -15, che tenta di restituire un po’ di fiducia. La replica arriva però ancora puntuale, con Orsili a propiziare un 7-0 che obbliga al timeout. Il finale di frazione è griffato invece da un 5-0 di Ravelli, e il 66-41 con cui si va all’ultima pausa sa di partita già in ghiaccio.

4° QUARTO. La terza tripla di Filippi e il bell’arresto e tiro di Tonello testimoniano che il Fila perlomeno non vuole alzare bandiera bianca. Ma il vantaggio ospite è fin troppo ampio, il divario tra le due squadre per quanto riguarda morale e linguaggio del corpo è ovviamente palese. Del finale va citato comunque il primo canestro in A1 della 2002 Elena Giordano, e insieme al debutto di Ciavarella è una piccola nota lieta per i colori gialloneri, all’interno purtroppo di una giornata da dimenticare. Le Lupe escono comunque dal campo con l’immancabile coro dei loro sostenitori, e col desiderio di ripartire già domenica prossima dalla sfida con Vigarano.

GLI ALTRI RISULTATI. Costa Masnaga-Palermo 53-62, Bologna-Torino 77-85, Geas-Broni 66-83, Vigarano-Empoli 66-78, Battipaglia-Ragusa 67-87, Schio-Venezia 85-76.
Classifica: Ragusa e Schio 14; San Martino, Venezia e Lucca 12; Empoli 10; Geas, Broni e Vigarano 8; Palermo, Costa Masnaga e Torino 4; Bologna 2; Battipaglia 0.

_____________________________________________________________________________________________________________________

Rassegna Stampa del giornale: “La Nazione “

________________________________________________________________________________________________________________

Rassegna Stampa del giornale: “Il Tirreno “

___________________________________________________________________________________________________________________

BasketInside: A1 – Che bella Lucca, San Martino stordita

Prestazione di grande voglia e intensità delle biancorosse che dominano le venete, incapaci di trovare le contromisure

Che bella Lucca. Stordisce le Lupe sin dalle prime azioni di gioco, le surclassa per intensità, ritmo, presenza nella partita. C’è una ferrea volontà di vincere nelle ragazze biancorosse, c’è il desiderio di regalare il successo alla compagna sfortunata, Silvia Pastrello, che in settimana in allenamento si è rotta il legamento crociato e dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico. C’è la voglia a fine partita di andare a salutare con il sorriso sulle labbra il dirigente Piero Andrea Piancastelli, cui in settimana è morto il padre.

Insomma ce ne sono fin troppe di motivazioni nell’ambiente biancorosso, non ultima quella di superare una delle squadre in vetta alla classifica per dimostrare di poter essere competitivi e in grado di lottare per il quarto posto proprio con le venete. Quelle venete che il match invece l’hanno proprio steccato. Forse non si aspettavano di trovare di fronte un’avversaria di questo livello, determinata, agonisticamente forte e che la partita l’ha preparata davvero bene.

Coach Iurlaro si era speso in settimana per chiarire alle sue ragazze come comportarsi sul parquet e la squadra ha risposto in pieno confezionando una prestazione di alto livello. Soprattutto in difesa, dove quasi sempre si vincono le partite. Lucca ha lasciato a San Martino appena 20 punti nel primo tempo, equamente ripartiti, 10 per quarto. E ha chiuso invece a 44, scavando il parziale iniziale con le triple, che Abignente sperava evidentemente non entrassero, visto che ha tenuto a oltranza la squadra a zona.

Adrenalina ed energia hanno spinto Gesam, contagiando tutte le ragazze. Come Smorto che mette una tripla appena entrata all’8′ del prino quarto, come Zempare che firma il 24-10 del primo quarto. Lucca capitalizza il tecnico ad Abignente a inizio secondo quarto ed è basket spettacolo con Orsili che con una magata allunga la palla a Jeffery per il 31-10.

Nella ripresa Filippi trova due triple, segnano anche Ostarello e Biorklund e San Martino torna a -15, 54-39. Ma le gambe di Lucca non tremano, c’è un parziale di 7-0 (con 5 di Orsili) che di fatto chiude la contesa e nel finale del quarto quarto Iurlaro si concede il lusso di giocare non con le seconde ma con le terze linee, mettendo in campo insieme a Orsili e Vitari le giovanissime Farnesi, Azzi e Cibeca.

La partita è andata come voleva Iurlaro e non certo come sperava Abignente, che non è riuscito a trovare le giuste contromisure. Un passo falso che comunque ci può stare, visto l’ottima serata di Gesam al tiro (da segnalare le 11 triple su 26 tentativi e i 22 punti di Jakubcova) e che nulla toglie alle possibilità della squadra veneta, destinata a restare nei piani alti della classifica per tutta la stagione. Piani ai quali può legittimamente aspirare anche Lucca, che potrebbe tornare sul mercato per trovare una giocatrice che sostituisca Pastrello. “Solo se troveremo una ragazza in linea con lo spirito della nostra società”, dice a fine gara il presidente Rodolfo Cavallo.

Gesam Gas&Luce Lucca – Fila San Martino di Lupari 76-53 (24-10, 44-20, 66-41)

LUCCA: Jeffery 18, Azzi, Jakubcova 22, Cobeca, Bonasia 5, Orsili 5, Ravelli 11, Vitari, Farnesi, Madera 4, Zempare 8, Smorto 3. Coach Iurlaro.

SAN MARTINO: Dotto ne, Fietta 9, Filippi 13, Tonello 2, Toffolo 2, Ciavarella, Giordano 3, Rosignoli ne, Bjorklund 9, Pasa 3, Sulciute 3, Ostarello 9. Coach Abignente.

ARBITRI: Radaelli, Puccini, Mignogna.

_____________________________________________________________________________________________________________________
Nelle apposite pagine del nostro sito potrete trovare foto del match, classificarisultati della 8°a giornata e calendario, tabellini